Follow by Email

sabato 1 gennaio 2011

Attrezzatura fotografica

Per prima cosa, prima di parlare di fotografia, bisogna parlare di attrezzatura fotografica, non per fare a gara a chi lo ha più lungo ma per spiegare come essa influisca sul risultato finale.
Una cosa fondamentale da tenere sempre a mente è che una foto può essere stupenda, può scatenare emozioni anche se fatta con un cellulare, non servono macchine fotografiche fantascientifiche da migliaia di euro o obiettivi altrettanto costosi. Cosa cambia allora? Perchè spendere tanti soldi? Semplicemente per poter ottenere sempre e comunque il risultato che abbiamo nella nostra mente, per avere la massima flessibilità di utilizzo e per poter portare a casa scatti in cui alle volte l'attrezzatura fa la differenza.
Faccio subito un esempio, se vogliamo fotografare un paesaggio di giorno, con buona luce non noteremo sostanziali differenze tra una buona macchina compatta ed una reflex, se lo stesso paesaggio iniziamo a fotografarlo la sera allora sì che i limiti dell'attrezzatura inizieranno a sentirsi.
Cosa se ne deduce? Semplicemente che la spesa che dobbiamo sostenere per la macchina fotografica deve essere proporzionata al risultato che vogliamo ottenere ed alle nostre REALI esigenze, dico reali perchè, soprattutto noi maschietti, voliamo con la fantasia quando acquistiamo e ci immaginiamo situazioni in cui poi non ci ritroveremo mai :-).
Oggi acquistare una reflex digitale è relativamente economico, con 500 euro una persona torna a casa con un corpo entry level ed un'ottica base ma, con questa accoppiata, non andrà molto lontano e la qualità delle immagini che otterrà non sarà di molto superiore a quella che avrebbe ottenuto prendendo una bridge tutto fare con un obiettivo dall'escursione enorme. Molti venditori giocano sul fattore psicologico e cercano di far passare il messaggio per cui se si usa una reflex si faranno sicuramente splendide foto in tutte le condizioni.
Sbagliato.
Una reflex per prima cosa va studiata, ogni parametro influisce pesantemente sul risultato finale e se non si ha dimestichezza con tutte le varie voci si rischia di rimanere molto delusi, che fare allora?
Per prima cosa decidere un budget non solo per il presente ma anche per il futuro, una reflex ha bisogno di ottiche, buone ottiche e quelle costano, si parte dai 400 euro ai 1000 euro per ottiche discrete e dai 1000 euro in su per ottiche buone, spese queste che se la passione fotografica prenderà piede si dovranno affrontare. Una reflex ha bisogno di ottiche specifiche per specifici generi fotografici, ci vorrà uno zoom che parta dal grandangolo ed arrivi al medio tele, un'altro zoom che invece parta dal medio tele per arrivare al tele spinto ed un'ottiche per fare le foto macro. Questo riducendo al minimo il corredo e relative spese, in seguito parlerò delle specifiche da considerare per ogni tipo di obiettivo e capirete perchè i prezzi variano tantissimo da una lente all'altra.
Io suggerirei quindi a chi avesse voglia di avventurarsi nella fotografia di farlo per gradi, partendo da una buona compatta o una bridge che offrono una qualità soddisfacente ad un prezzo ragionevole per prendere dimestichezza con la fotografia e poi passare eventualmente alla reflex se si inizieranno a sentire i limiti dei propri mezzi tecnici.
Un appunto che vorrei fare riguarda i tanti corsi che fioriscono un pò ovunque, non basta parteciparvi per diventare fotografi, la fotografia non è un qualcosa che si impara sui banchi o sui manuali, quelli servono al limite per dare una infarinatura, poi è sul campo che si impara, con spirito critico e cercando di imparare dai propri errori per riuscire di volta in volta a portare a casa uno scatto migliore.
Mai cadere nella tentazione di credere che una foto sarebbe venuta meglio con un'altro apparecchio, il primo limite da superare siamo noi stessi e ci vuole molto tempo e pazienza per farlo, le macchine fotografiche hanno limiti che spesso sono molto al di sopra dei nostri ma non possono compensare quello che manca a noi.
Per ora mi fermo qui, il mio intento è quello di fare dei micro interventi, accompagnati da qualche foto di esempio per rendere il tutto rapido e discorsivo.

Nessun commento:

Posta un commento