Follow by Email

lunedì 24 gennaio 2011

Uscita fotografica a Grado

Qualche giorno fa è capitata l'occasione di aggregarmi ad un gruppo di fotoamatori e di andare a Grado per una passeggiata fotografica. Le condizioni meteo non erano delle migliori, c'era il sole per fortuna ma anche un vento gelido che soffiava a 30Km\h che sollevava costantemente sabbia e spruzzi di acqua di mare, però ci si è divertiti e tutti sono riusciti a portare a casa qualche scatto. 
Ho sottolineato le condizioni meteo perchè molto spesso possono far desistere le persone dall'uscire a fare foto ed un mio consiglio è di non arrendervi, certo non bisogna rischiare la polmonite per una foto ma se potete prendete la macchina fotografica ed uscite.
Per esempio, grazie al vento, ho potuto fare scatti come questo:



Il gabbiano era praticamente immobile, sostenuto dal vento ed ho avuto la possibilità di fotografarlo senza dovergli correre dietro con la messa a fuoco, cosa abbastanza rara con gli uccelli in volo.
Un altro scatto è questo:


La foto di per se non è nulla di speciale ma il mare ingrossato assieme al vento offriva uno spettacolo bellissimo con queste onde che si abbattevano sulla spiaggia sabbiosa.
Bisogna poi interpretare con la fantasia quello che il paesaggio ci offre, uno scatto come questo ad esempio:


Cavoli, fa cagare! Orizzonte storto perchè ero piegato in due dal freddo, paesaggio abbastanza insignificante...insomma, uno scatto da cestinare che però ho ripensato così:


Non avrò ottenuto un'opera d'arte ma credo d'aver tirato fuori qualcosa di diverso, di più espressivo.
Questo non è un incitamento ad agire al pc, è solo una dimostrazione di quanto possa mutare uno scatto se poi si ha la pazienza di interpretarlo. In questo caso ho solo portato in bianco e nero lo scatto e ritagliato la foto ed aggiustato la linea dell'orizzonte, non ho aggiunto elementi, non ho ritoccato ciò che la natura ha messo davanti a me e credo che questo sia il limite invalicabile che dobbiamo porci.
Sulla spiaggia ho incontrato anche un gazebo di legno, una bella struttura:

ed ho deciso di riprenderla con un obiettivo morbido, per darle un tono leggero ed al suo interno mi sono poi sdraiato ed ho scattato questa:


una foto anche insipida ma che a me personalmente piace perchè amo le geometrie delle costruzioni.

Come vedete anche una semplice passeggiata sulla spiaggia può regalare momenti particolari oltre a poter divenire un'occasione d'aggregazione o anche solamente di svago, non rinunciate solo perchè fa freddo!

Nessun commento:

Posta un commento