Follow by Email

mercoledì 28 dicembre 2011

4:3 VS Micro 4:3

In questi giorni mi trovo a fare molte considerazioni sui due standard proposti da Olympus, il vecchio 4:3 ed il nuovo Micro 4:3 e sto cercando di buttare giù le differenze, i pregi ed i difetti dei due sistemi ora che li ho in contemporanea e ambedue ben forniti di lenti.

PRO corpo 4:3 E-5
-mirino ottico che nel caso della mia E-5 copre il 100% dell'inquadratura
-impugnatura perfetta
-durata batteria
-corpo in lega di magnesio
-tropicalizzazione

CONTRO corpo 4:3 E-5
-peso non indifferente
-ingombro non indifferente
-possibilità che la polvere oltre che sul sensore possa andare a depositarsi sullo specchio o sul pentaprisma
-maggiori parti in movimento che possono nel tempo avere problemi

PRO corpo Micro 4:3 E-pl3
-compatto
-leggero
-possibilità di utilizzare un mirino elettronico esterno con diverse angolazioni
-monitor basculante che evita i problemi dei riflessi durante le inquadrature, problema che affliggeva le precedenti versioni
-assenza di corpi interni che possono rompersi o accumulare polvere

CONTRO corpo Micro 4:3 E-pl3
-impugnatura che risente della mancanza di un vero grip
-non tropicalizzato
-batteria che dura relativamente poco, 400 scatti circa


Nel computo dei pro o contro non ho messo ad esempio le rotelline di scelta rapida presenti nella E-5 perchè sulla E-pl3 la loro funzione è svolta dai pulsanti che risultano ugualmente comodi.


Vediamo i pro e contro delle ottiche.

PRO lenti 4:3
-tropicalizzate
-barilotto in metallo
-luminose e dotate del sistema di messa a fuoco SWD

CONTRO lenti 4:3
-grosse
-pesanti

PRO lenti Micro 4:3
-piccole
-leggere
-rapide nella messa a fuoco con il nuovo motore implementato da Olympus
-molto luminosi i fissi

CONTRO lenti Micro 4:3
-non tropicalizzate
-barilotto in plastica
-gli zoom non sono molto luminosi per contenere le dimensioni



Questi a grandi linee sono i punti che contraddistinguono i due sistemi, come fare allora a scegliere? 
Un professionista credo che non avrà dubbi e sceglierà il 4:3, o per meglio dire avrebbe scelto il 4:3 se non fosse stato dichiarato morto da Olympus. La scelta sarebbe comunque stata dettata principalmente da due fattori: ottiche luminose e tropicalizzazione. Un professionista infatti deve avere in mano un corpo e delle lenti da poter utilizzare sempre ed ovunque e anche se io non sono un professionista ho avuto modo di apprezzare questa particolarità andando per esempio a fotografare uccelli in zone impervie ed anche sotto la pioggia.
Il Micro 4:3 ha il grande vantaggio di poter essere portato sempre con se grazie agli ingombri e pesi irrisori, una peculiarità che invece il 4:3 non ha o per meglio dire poco gli si addice. 
Io quando esco di casa ho sempre dietro la macchina fotografica e fino a poco tempo fa la combinazione era la E-5 con su il 12-60 o il 50-200, un binomio ingombrante e pesante ad essere onesto. 
Oggi quando esco porto dietro la E-pl3 con su il 14-150 ed in tasca il microscopico 9-18 e non mi accorgo neanche d'averla. 
La differenza è notevole, se prima per le uscite tranquille e senza particolari necessità potevo portarmi dietro una combinazione che copriva o dai 24 ai 120mm eq o dai 100 ai 400mm eq, oggi esco senza problemi coprendo dai 18 ai 300mm eq. 
Per fare foto senza pensieri è una combinazione fantastica e dagli indubbi vantaggi tenendo conto che le uscite leggere di solito vengono effettuate di giorno con buona luce e quindi non servono ottiche luminose e che comunque se servisse potrei uscire montando su il 45mm 1.8.

Qualcuno mi aveva fatto notare come fino a un mesetto fa io ritenevo il Micro 4:3 inferiore al 4:3, è vero e lo penso tutt'oggi, questo però non deve rendere ciechi davanti ai vantaggi offerti dal nuovo sistema, vantaggi che vanno analizzati nell'ambiente per cui sono stati concepiti. Non mi sognerei mai di andare con la E-pl3 a fare caccia fotografica seria, non ha le doti per farla, mi affiderò sempre al binomio E-5+50-200 per quel genere di foto e lo stesso vale per le foto sportive dove serve immediatezza nella messa a fuoco.

Certo è che non sempre le doti di un corpo e delle lenti pro sono adatte ad accompagnarci nella vita quotidiana e mi riferisco alle mille occasioni fotografiche che ci possono capitare anche uscendo a fare due passi o nel tragitto casa-lavoro dove di norma uno non si porta dietro 2 chili di attrezzatura sulle spalle.

Ed ora vi metto alcune foto comparative con i due sistemi affiancati per poterne valutare le dimensioni fisiche e relativi ingombri,le lenti poste in alto sono il 50mm f2 e il 25mm f2.8 che utilizzo su entrambi i sistemi.







2 commenti:

  1. Ciao in questi giorni Olympus ha dichiarato che non ha nessuna intenzione di abbandonare il sistema 4/3 e quindi i suoi fedeli clienti.
    A breve sarà presentata una nuova reflex che sostituirà la E5, spero che questa notizia faccia piacere a tutti gli utilizzatori del 4/3
    Ciao
    Pietro Vullo
    Photo4terzi.org

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio per la segnalazione! Un'ottima notizia per tutto il mondo della fotografia oltre che per i possessori del 4\3. Spero con tutto il cuore che la prossima reflex sia portatrice di qualche innovazione come da tradizione Olympus.

    RispondiElimina