Follow by Email

venerdì 1 giugno 2012

Miti sulla profondità di campo nel digitale

A mio parere c’è un mito che accompagna il settore delle macchine fotografiche digitali e che stenta a sparire che riguarda la superiorità dei sensori aps-c rispetto a quelli 4\3 per quanto riguarda la profondità di campo.

Se andate a leggere nei vari forum o anche le recensioni di autorevoli siti e riviste un lato che viene elencato come negativo per le macchine fotografiche Olympus e Panasonic è il loro fattore di moltiplicazione 2x per quanto riguarda la lunghezza focale e pdc rispetto alla pellicola.

Ora…il fattore 2x è un pseudo problema se parliamo di lunghezza focale e ci limitiamo ai grandangolari perché è più difficile progettare lenti di questo tipo (ma ci sono) mentre per i teleobiettivi questo fattore è un grosso vantaggio.

Per quanto riguarda la profondità di campo mi sono accorto che spesso ci si dimentica, quando si parla delle macchine con sensore aps-c come Canon o Nikon di menzionare come anch’esse perdano in profondità di campo rispetto alla pellicola creando il mito che la eguaglino.

I numeri parlano da soli, una lente kit di solito parte da f3.5 come luminosità che su canon diventa f5.6 (fattore 1,5 di moltiplicazione) e f7 su Olympus (fattore 2 di moltiplicazione) mentre molti utenti per non dire tutti ritengono che Canon o Nikon non perdano nulla in tal senso.

Detto questo sorrido sempre quando sui forum sento gli utilizzatori Canon-Nikon attaccare il sistema 4\3 sostenendo la difficoltà di sfocare lo sfondo rispetto al full frame…ma perché con i loro sistemi invece è tanto più facile?

Se la matematica non è un’opinione il vantaggio che hanno è di appena 0,5, praticamente nulla a parità di lunghezza focale. Quello che invece avvantaggia Olympus è la forma quasi quadrata del sensore che, ponendo il soggetto al centro, assicura uno sfocato omogeneo come superficie attorno ad esso mentre il sensore aps-c di formato 3:2 schiacciando l’immagine sul lato verticale riduce l’effetto ottico della sfocatura e rende proprio nei ritratti meno fotogienica l’immagine.

Purtroppo far capire questi concetti ai fanboy è difficile, quasi come spiegare a chi usa l’Iphone che esso non fa nulla in più rispetto ad uno smartphone che monta Android e costa la metà.

Io mi chiedo sempre quanto abbiano pagato certe aziende per ostacolare la diffusione del 4\3 ma mi posso anche rispondere da solo guardando chi paga le maggiori pubblicità sulle riviste o sui siti specializzati…difficile parlare male di chi ti sfama alla fine.

Uno spiraglio di luce però si è aperto con la E-M5, i consensi unanimi sulla qualità dell’immagine che riesce ad eguagliare quella delle full frame e la tenuta alle alte sensibilità ha imposto ai recensori un cambio di rotta arrivato con un decennio di ritardo.

Sarà troppo tardi per le sorti di Olympus?

Guardando le lenti che stanno per arrivare spero sinceramente di no.

 

 

 

8 commenti:

  1. Ho sempre apprezzato i tuoi articoli...ma cosa c'entrano i fanboy Apple?? Che differenza c'è tra una Seat ibiza e una BMW?? Hanno 4 ruote entrambe e fanno i 130km, hanno alza cristalli elettrici ed aria condizionata, ma la differenza c'è. La qualità si paga!!!

    Ora che Apple va di moda, in effetti, ci sono tanti fanboy che vogliono fare i fighetti e basta...

    io vedo il 4/3 terzi e il micro molto simile alla filosofia Apple, quella del THINK DIFFERENT...Non seguire le mode dei sensori grandi e rettangolari, ma intraprendere una strada nuova, difficile, controtendenza....

    Ema

    RispondiElimina
  2. Ho sempre apprezzato i tuoi articoli....però cosa c'entrano i funboy Apple?? Che differenza c'è tra una Ibiza e una BMW?? Hanno entrambe 4 ruote e fanno i 130km...ma la differenza c'è e si paga...

    Poi hai ragione che ora che Apple va di moda, ci sono tanti fanboy che vogliono solo fare i fighetti...

    Io vedo il 4/3 e il micro molto simile ad Apple...quello di 20 anni fa...del THINK DIFFERENT e il sistema ce abbiamo scelto in fotografia è questo, un sistema nuovo, alternativo, controtendenza, che ora comincia ad essere apprezzato

    Ema

    RispondiElimina
  3. Ho citato Apple perchè i loro utenti, spinti dal marketing, ritengono i loro prodotti migliori degli altri mentre sonovsolo diversi e parlo da utente sia di prodotti apple che di altre marche. La qualità si paga dici....l'Iphone fa le stesse cose di un qualsiasi smartphone android da 300 euro ma costa il doppio...ed il suo costo di produzione è di 140 dollari...il resto è fumo negli occhi ma vallo a spiegare a chi ha speso 700 euro convinto d'avere chissà cosa in mano.
    Per la fotografia è più facile essere obiettivi, c'è un file da analizzare e quello va oltre le scelte soggettive di un marchio. Tieni conto che il 3:2 è in realtà stata la scelta contro corrente, le compatte usano tutte il rapporto 4/3 da sempre, idem i monitor, solo da pochi anni c'è la mania degli schermi 16:9 dettata dai film.
    Quello che.mi ha sempre impressionato è il fatto.che.la maggior parte delle persone danno giudizi senza aver provato, io almeno ho avuto e ancora ho materiale anche di altri marchi.

    RispondiElimina
  4. Alla mia ragazza ho preso un Sony esperi Mini da 150 euro che va benissimo per lei, facebook sms e telefonate. Per il fatto che un Galaxy costa meno di un iPhone, è solo perché ne esce uno ogni 6 mesi, non mi sembra che 650 euro per un plasticoso Galaxy siano pochi, che dopo 12 mesi lo puoi regala perché ne sono usciti già 2 nuovi. Poi android ha copiato IOS, in versione più spartana, ha sicuramente migliorato certe cose, e ha il sistema aperto. La stabilità e la facilità d'uso di IOS è disarmante, anche perché il sistema è chiuso, con i suoi pregi e i suoi difetti. Mio fratello ha un tablet Android, e non regge il passo con iPad. Poi come dici fa tutto quello che fa l'iPad...

    Visto che in casa la mia ragazza mi ruba sempre l'iPad appena trovo un android tablet a poco glielo regalo così non mi stessa piû, ma per il mio lavoro solo iPad.

    Per la fotografia, sicuramente il 3:2 si è differenziato dalle compatte standard, ma lo standard delle reflex è, imposto dai due colossi, APS e FF. Quando gli amici tirano fuori le loro D3100 e D90 e io la Olympus sono il "DIFFERENT"

    Comunque sono tra le persone che reputi che diano giudizi a vanvera, fammelo sapere senza problemi, che non scrivo più sul tuo blog.
    Emanuele

    RispondiElimina
  5. Ma figurati, ognuno ha i suoi punti di vista ed è bello confrontarsi.

    RispondiElimina
  6. assolutamente no, situazione finanziaria a parte, SE il mercato mondiale si allinea a quello giapponese -vendute più evil che reflex-, nikon e canon perdono di colpo la loro leadership e potenza sul mercato, perché nel momento in cui passeranno anche loro si troveranno un sistema senza obiettivi, sempre stato il maggior motivo per preferire nikon e canon rispetto a pur altre validi marchi. Per aver battuto prima il colpo d'un tratto i leader si troverebbero ad essere Olympus, Panasonic e Sony (che sul fronte obiettivi non ha ancora lavorato al meglio, ma sempre meglio che Nikon 1 o di sistemi che ancora non esistono). Chi prima intuisce il mercato, costruisce delle mura difficile da abbattere per chi arriva dopo! A meno che quegli altri non decidano alla fine di usare un sistema già esistente... chi vivrà vedrà. Questa elucubrazione assumendo che il mercato possa andare in direzione evil come in giappone.

    RispondiElimina
  7. comunque io sono scappato via dall'iphone perché semplicemente non è il telefono che fa per me, e mi sono pentito di aver comprato il mio secondo portatile apple perché quasi contemporaneamente la apple ha cominciato ad investire tutto nel mobile, e da questo passaggio ho cominciato pian piano ad affrontare i primi bug in un sistema operativo apple, mentre l'altro fronte (windows 7) ha migliorato, non so se su windows bisogna sempre deframmentare o se si è costretti a formattare dopo un 5-6 anni di utilizzo come sui vecchi windows, ma sul fronte mac le cose stanno continuamente peggiorando. Questo per dire che: no, non c'è paragone tra un iphone e un, che so, samsung galaxy qualsiasi. Fanno le stesse cose, identiche. Ma il galaxy di mio fratello (dopo due iphone) ha continuamente problemi di hardware (microfono, touch), è sempre in assistenza e l'assistenza è lontana anni luce da quella apple, almeno in Italia, ma credo che dipenda dal fatto che quella apple ha le stesse regole in tutto il mondo e quella samsung in italia è... all'italiana. Però costa di meno, e quindi va più che bene.

    RispondiElimina