Follow by Email

venerdì 22 giugno 2012

Obiettivi ideali per la Olympus E-M5 OM-D

Le lenti ideali sono soggettive ovviamente ma essendo ormai il parco ottiche per il micro4\3 molto vasto è possibile valutare quale sia la borsa fotografica ideale a seconda dei bisogni.

 

FOTOGRAFO AMATORIALE

Un fotografo amatoriale non è un professionista ma una persona che ama fotografare, che non vuole svenarsi troppo ma che comunque desidera ottenere dei risultati almeno discreti dalle proprie lenti. Per questo tipo di utente io consiglio l’accoppiata di zoom composta dai Zuiko 9-18mm e 14-150mm. Con queste due lenti il fotografo copre un range di focali molto vasto andando dal grandangolare spinto al medio tele con una qualità buona, una luminosità discreta e con pesi ed ingombri veramente ridotti all’osso. Oltre a queste due lenti io consiglierei anche il 45mm 1.8 perché il suo prezzo, in relazione alla qualità, è veramente basso ed almeno una lente luminosa nel corredo per i ritratti ci vuole.

In alternativa allo Zuiko 14-150 si potrebbe optare per il Panasonic 45-200 che allunga il lato tele lasciando però scoperte le focali tra i 18 ed i 45 mm. Per gli amanti del fish eye poi c’è il valido Samyang 7.5mm con attacco micro4\3, una lente interessante anche se sottovalutata.

 

FOTOGRAFO SEMI PROFESSIONISTA

Il semi professionista è un utente che non accetta compromessi sulla qualità della lente ma che non vive del lavoro fotografico e questa è l’unica distinzione con un professionista vero sul piano del risultato finale e per questo li considero assieme.

Un fotografo di questo tipo avrà sicuramente nel borsa il 12mm f2, il 45mm f1.8 ed il futuro 75mm f1.8, lenti di pregio per fare foto ad alto livello dal grandangolo al medio tele.

Nel settore degli zoom invece la scelta non potrà che ricadere sulle uniche due lenti f2.8 costante che stanno per arrivare sul mercato, i Panasonic 14-35 e 35-100, due lenti di pregio e tropicalizzate dal costo non propriamente contenuto ma allineato alla loro fascia di qualità rispetto alla concorrenza.

Un semi professionista come un pro non si crea particolari problemi a portare sulle spalle una borsa pesante carica di attrezzatura e non si fa problemi a cambiare spesso le lenti e quindi punterà alla qualità più che alla trasportabilità.

 

Sul versante dei corpi la e-M5 ha segnato un solco tra le Pen destinate agli amatori e la serie OM-D destinata a chi vive la fotografia in modo più serio.

Fino a pochi mesi fa la più evoluta micro4\3 Olympus era la E-p3, una macchina che comunque aveva grosse lacune e che non strizzava l’occhio agli utenti esigenti ma a chi proveniva dalle compatte così come tutta la serie Pen.

Oggi il micro4\3 è maturato, le lenti che vengono proposte possono soddisfare i palati più fini e comunque potendo adattare tutte le ottiche presenti sul mercato tramite anelli adattatori l’utente finale ha possibilità pressoché infinite.

 

 

 

 

7 commenti:

  1. Tommy come sempre complimenti per il tuo blog, una domanda tra le lenti per l'utente pro non includeresti anche il 20mm Pana?
    Ciao Luigi.

    RispondiElimina
  2. Tommy come sempre complimenti per il tuo blog, una domanda tra le lenti per l'utente pro non includeresti anche il 20mm Pana?
    Ciao Luigi.

    RispondiElimina
  3. Sicuramente è un'ottima lente che purtroppo non ho mai usato,mi lascia perplesso il noto problema delle bande nere ad alti iso quando lavora con la em5...si spera risolvano con aggiornamento della lente o del corpo quanto prima.

    RispondiElimina
  4. Ciao una domanda sul Pana 20mm f1.7 montato sulla OM-D tiene tutti gli automatismi (AF, diaframmi, ecc)?
    grazie in anticipo per una risposta

    RispondiElimina
  5. Si,gli automatismi li tieni tutti,unica cosa con alcuni esemplari del 20mm sulla omd a iso superiori a 3200 si notano delle bande nere nella foto. Olympus ha dichiarato di essere a conoscenza del problema,o aggiorneranno il firmware della lente o quello del corpo per risolvere la cosa.

    RispondiElimina
  6. Io sto meditando il 20mm Pana, soprattutto dopo aver letto il paragone con i Pancake Oly. Certo che se le bande arrivano oltre i 3200.... Insomma, non mi pare un grosso inconveniente. Ok, la OM-D ha anche i 6400 sfruttabilissimi, ma non so quante volte capiti di usarla a quegli iso, considerando oltretutto che il 20mm è un f1.7, quindi dovrebbe servire (oltre che per lo sfocato) anche per evitare di salire troppo con gli iso.

    Come parco lenti, per un amatore evoluto, o semipro, io mi sentirei anche di consigliare qualche lente manuale, dai costi irrisori, rispetto alle performance. Il grande pregio di Oly secondo me è anche la disponibilità di anelli per tutti i gusti: Contax, Leica, Canon, Nikon, Minolta. Un Rokkor 50mm f1.4 si porta a casa per meno di 100 euro e credo valga molto di più che il 48 f1.8 (IMHO). Certo, la prezzo di perdere l' AF. Ma con dei colori e delle sfumature, che, presumo, i moderni trattamenti delle lenti, hanno perso.

    RispondiElimina
  7. posso assicurarti che grazie al mirino elettronico e alla possibilità di ingrandire l'immagine mettere a fuoco a mano è facilissimo. io uso spesso il 50mmf2 4/3 ma solo con messa a fuoco manuale e reputo il risultato migliore del 45mm1.8 per la tridimensionalità della foto e la morbidezza dello sfocato. certo sono lenti di classe diversa...sarebbe bello confrontarlo con il 75mm1.8

    RispondiElimina