Follow by Email

giovedì 18 aprile 2013

Panasonic Lumix 12-35 f2.8 in arrivo

E’ da un po’ che non aggiorno il sito ed il motivo è semplice: un figlio di 15 mesi.

Purtroppo il tempo è tiranno e la scelta tra passarlo con mio figlio o con la macchina fotografica nemmeno si pone così ho messo da parte per un bel po’ la mia passione per stare più tempo possibile con mio figlio.

Ultimamente però la voglia di scattare in modo serio e per serio intendo con qualità è tornata, forse alimentata dal fatto che da mesi gli unici scatti che ho fatto sono stati eseguiti con il cellulare.

A breve, credo nel giro di qualche giorno, entrerò finalmente in possesso del Panasonic Lumix 12-35 f2.8, una lente di cui avevo parlato tempo fa ma che per ragioni economiche era rimasta fuori dalla mia portata. Questa lente parla da sola, è il classico obiettivo adatto a tutto coprendo le focali dal 24 al 70mm equivalente con una luminosità massima costante di 2.8 ed il plus di essere tropicalizzato e quindi perfetto per la mia OMD.

Qualcuno ha scritto che 1200 euro sono troppi, non credo, costa parecchio meno degli omologhi Nikon e Canon di pari lunghezza focale e luminosità ma è molto più piccolo e leggero e, cosa importante, tropicalizzato e con stabilizzatore di immagine integrato.

A qualcuno una lente 3x potrebbe sembrare limitante ma non è così soprattutto se si calcola che negli zoom il 3x è considerato il massimo cui spingersi se si vogliono mantenere alte le prestazioni ottiche.

Certamente il 14-150 è un tuttofare diverso, molto duttile e comodo e se usato con discreta luce anche di buona qualità ma i numeri si sa che inebriano ed è facile abituarsi ad una lente di oltre 10x sentendo tutto ciò che è minore come una perdita.

Io ho sempre puntato sulla qualità nelle lenti anche nel 4\3 standard dove usavo solo ottiche pro, luminose e di elevata fattura costruttiva ed ho deciso di riprendere questa abitudine anche nel micro.

Il 12-35 è una di quelle lenti che può stare tranquillamente sempre attaccata alla macchina per la sua flessibilità e, spero più avanti, di affiancargli il fratello 35-100 riuscendo a risparmiare abbastanza per avere una accoppiata di zoom veramente flessibile, luminosa e sfruttabile.

Ovviamente per eventi particolari utilizzerò il 45mm 1.8 o il 50mm 4\3 f2 adattato come ad esempio per i ritratti ma per il resto non credo che avrò particolari problemi a sfruttare il 12-35.

Spero al più presto d’avere materiale e cognizione di causa per farne una recensione decente con scatti di prova in diverse occasioni, nel frattempo ringrazio tutti quelli che mi hanno scritto chiedendomi che fine avessi fatto J .

 

 

 

1 commento:

  1. Sono curioso di leggere le tue impressioni... spero presto (anche se sei, eventualmente, scusato in anticipo!)

    Ciao
    Giovanni B.

    RispondiElimina