Follow by Email

mercoledì 22 maggio 2013

HLD-6 battery drain, consumo anomalo della batteria sulla OMD

Prima di scrivere questo post ho fatto parecchie prove sulla durata della batteria sulla mia OMD sia con che senza il battery grip HLD-6 e sono giunto a delle conclusioni che hanno trovato riscontro anche in alcuni forum stranieri.

La prova è stata molto semplice ed è consistita nell’usare la stessa batteria prima inserita da sola nel corpo macchina e poi inserita da sola ma nel battery grip per valutare se la mia sensazione di minore durata fosse reale o solo frutto di suggestione personale.

Ovviamente le impostazioni della macchina erano identiche con stabilizzatore disinserito (lo uso solo se realmente necessario), visione attraverso il mirino elettronico, niente flash e ripresa imnpostata su standard con disattivazione automatica della macchina dopo 1 minuto di inattività.

Con questa configurazione e il 35-100 attaccato alla macchina ho fatto con la batteria inserito nel corpo 450 scatti prima del suo esaurimento.

Una volta ricaricata la batteria ed inserita nel battery grip ho continuato a fotografare sempre con il 35-100 ed il numero di scatti è sceso a 350.

100 scatti in meno sono tanti e a mio avviso derivano da qualche problema hardware o software perché il calo coincide con quelo che si ottiene disattivando lo spegnimento automatico della macchina ed in pratica il consumo risulta continuo.

Personalmente trovo seccante questo problema perché ho preso il battery grip più per aumentare l’autonomia che per un fattore ergonomico e in aggiunta a questo non utilizzo neanche la sola impugnatura perché per cambiare batteria nel corpo macchina devo ogni volta smontarla.

Per fortuna in mio aiuto viene la custodia in pelle della Geriz che ho acquistato e che oltre a proteggere il corpo macchina ha anche l’apertura sul fondo in acciaio per cambiare la batteria senza doverla togliere.

Questo per ora è il peggior difetto che ho riscontrato nella OMD e non è un difetto da poco su una ammiraglia che fa della modularità il suo cavallo di battaglia. Si vocifera in una prossima em6 in fase di studio, essendo uscita da poco la ep5 che supera la omd per quanto riguarda velocità della messa a fuoco, velocità dell’otturatore e bontà dello stabilizzatore mi aspetto che il tutto si ritrovi verso ottobre in una nuova ammiraglia Olympus che, mi auguro, segua almeno in parte le linee della GH3 di Panasonic.

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento