Follow by Email

mercoledì 12 febbraio 2014

Nuovi M.Zuiko PRO annunciati da Olympus

In casa Olympus non stanno certamente dormendo sugli allori dopo i successi degli ultimi corpi macchina ed i riconoscimenti per l’eccellenza delle lenti in catalogo e tramite il sito Olympus internazionale si apprende la presentazione di due nuove lenti.

Le lenti in questione appartengono alla categoria PRO, quindi luminose, tropicalizzate e pensate per uso professionale e sono:

-          M.ZUIKO ED 7-14mm f2.8 Pro

-          M.ZUIKO ED 300MM f4 Pro

 

Queste lenti vedranno la luce nel 2015 e andranno a sommarsi al M.ZUIKO 40-150 f2.8 Pro in arrivo questa estate fornendo di fatto assieme alla E-M1 una scelta completa e professionale per i fotografi più esigenti.

Io sono entusiasta per questa scaletta, un parco ottiche di tale pregio nel mondo digitale non è facile trovarla ed anche se i costi saranno alti esse rappresenteranno quanto di meglio si possa volere a mio avviso pur mantenendo la compattezza come punto di riferimento rispetto alle concorrenti aps-c e full frame.

Alla fine del 2015 un professionista potrà contare sul seguente parco ottiche di altissimo livello, luminose e tropicalizzate:

-7-14mm f2.8

-12-40mm f2.8

-40-150mm f2.8

-300mm f4

Oltre a questi zoom d’eccellenza non vanno scordati i fissi:

-17mm f1.8

-25mm f1.8

-45mm f1.8

-75mm f1.8

Lenti di tale qualità, luminosità e nitidezza non possono lasciare indifferente il fotografo esigente o il professionista che ha bisogno in primis di ottiche di alto rango.

Finalmente il micro 4:3 sta creando un ambiente idoneo per accogliere i fotografi pro anche se a me rimane il grande rimpianto per il fatto che anche per il 4:3 standard le lenti di tale pregio erano presenti in catalogo ma furono snobbate dai professionisti a causa di sensori non all’altezza della concorrenza.

Peccato, una E-7 con il corpo della E-1, il sensore e il processore della E-M1 abbinata alle lenti top pro sarebbe stato il massimo raggiungibile da una reflex anche se mi rendo conto che tenere due sistemi e relative linee produttive sarebbe risultato impossibile per una piccola realtà come Olympus divisione foto.

Nessun commento:

Posta un commento